Translate

lunedì 22 maggio 2017

LA DENUNCIA DELLA GABANELLI FA TREMARE MEZZO MONDO:”ECCO CHI COMANDA VERAMENTE” (VIDEO)



La Gabanelli e’ una famosa giornalista della RAI 3,che con il suo programma inchiesta REPORT ha spesso creato imbarazzo in autorità’ politiche. Ma come tutti i giornalisti non supera quella famosa linea rossa dell’informazione che pero’ in questo caso sembra aver varcato anche se in modo soft. Guardatevi il video e’ capirete perché’ in Italia ed Europa sta accadendo quello che sta accadendo…
Pensate che stanno censurando questo video in tutto il mondo negli archivi on line Rai la puntata e’ stata letteralmete eliminata!!! E dovremmo pagare il canone per questi servi criminali!!!

domenica 21 maggio 2017

Libia: i RATTI di occupazione contro i loro padroni, le Ong: “Dicono ai migranti che l'i talia li aspetta a braccia aperte"



La Libia smaschera le Ong: “Dicono ai migranti che l’Italia li aspetta a braccia aperte”

La Libia smaschera le Ong: “Dicono ai migranti che l’Italia li aspetta a braccia aperte”

I sospetti del procuratore di Catania, Carmelo Zuccaro sulle Ong sono fondati. La conferma arriva direttamente dalla Libia. «Le organizzazioni non governative fanno credere ai migranti in Libia che verranno comunque soccorsi e questo li spinge a imbarcarsi aggravando la crisi». È questa l’accusa formulata dal capo della Guardia Costiera libica per la regione centrale, Rida Aysa.

sabato 20 maggio 2017

Libia, ondata senza fine di rapimenti

13 MAGGIO 2017 | di


Oltre sei al giorno, secondo i dati del ministero dell’Interno. Ma siccome le famiglie che non sporgono denuncia per timore di rappresaglie sono molte, il numero dei sequestri di persona in Libia potrebbe essere molto più alto.
Già quel dato ufficiale ci dice chiaramente quanto l’assenza dello stato di diritto stia alimentando il caos e l’illegalità e mettendo in pericolo i civili. Qualcosa di cui, dolorosamente, abbiamo conoscenza anche in Italia.
Dal 2014, soprattutto nella Libia occidentale, sono scomparse centinaia di persone.
Una delle ultime in ordine di tempo è Salem Mohamed Beitelman, docente di Ingegneria marittima presso l’Università di Tripoli, rapito il 20 aprile mentre si stava recando al lavoro. La sua automobile è stata rinvenuta abbandonata, alle 10 di mattina, poco lontano dalla sua abitazione. Tutti i tentativi di rintracciarlo, da parte dei familiari, non hanno avuto esito.

venerdì 19 maggio 2017

Comunicato ufficiale dell'Ambasciata del Venezuela in Italia sul comportamento fazioso dei media

mercoledì 10 maggio 2017

Comunicato ufficiale dell'Ambasciata del Venezuela in Italia sul comportamento fazioso dei media (riceviamo e volentieri pubblichiamo)

COMUNICATO. 
AMBASCIATA DELLA REPUBBLICA BOLIVARIANA DEL VENEZUELA PRESSO LA REPUBBLICA ITALIANA

A causa degli ultimi eventi verificatosi in Venezuela e l’irresponsabile manipolazione politica e mediatica, l’Ambasciata della Repubblica Bolivariana presso la Repubblica italiana dichiara:
1. Settori violenti dell’opposizione venezuelana continuano ad agire in maniera violenta e con atti terroristici concentrati in alcuni centri urbani supportati da autorità municipali in cui governa l’opposizione di destra.
2. Respingiamo la manipolazione mediatica, la violazione sistematica del legittimo diritto di replica e la mancanza di “controparti” nello scenario mediatico italiano.
3. Come si può notare, i mezzi di “comunicazione” in modo deplorevole, tendenzioso e attraverso informazioni imprecise e incomplete, sono diventati gli attori politici che raccontano, secondo i propri interessi, gli eventi accaduti nel nostro paese.
4. Respingiamo, inoltre, il comportamento irresponsabile di alcuni rappresentanti politici che, senza informazioni precise, includono nella loro agenda politica gli affari del nostro paese. Ricordiamo che il Venezuela è uno stato libero e sovrano, e che il rapporto tra gli Stati si deve basare sulla non ingerenza e nel pieno rispetto della sovranità e dell’ordinamento giuridico di ciascun paese.
5. A causa dei tristi episodi di violenza che si sono registrati durante alcune manifestazioni, anche attraverso l'uso di armi da fuoco, saccheggi, distruzione di unità del trasporto pubblico e attacchi rivolti contro vari municipi e uffici pubblici attuati da manifestanti “pacifici”, le autorità per la sicurezza pubblica devono garantire la sicurezza e la tranquillità della popolazione in conformità con la Costituzione e le norme per la tutela dei diritti dell'uomo.
6. Il Potere Costituente, convocato dal Capo di Stato Nicolás Maduro, come stabilito dall’articolo 347 della Costituzione “Il popolo è il depositario del potere costituente originario”, cerca di evitare l’anarchia che intendono stabilire alcuni leader dell’opposizione, per risolvere il conflitto tra i poteri pubblici e per trovare un’alternativa al dialogo proposto dal Santo Padre e che “non è continuato per la divisione tra i partiti dell’opposizione” così come ha riferito lo stesso Papa Francesco alcuni giorni fa.
7. La convocazione dell’Assemblea Costituente include tutti i settori che rappresentano l'intero paese (non solo il governo e l'opposizione) per l’interesse nazionale e la pace del popolo venezuelano.
8. Invitiamo a rispettare la nostra sovranità. Dobbiamo osservare la pace come l’unico percorso e il fine ultimo per risolvere i problemi nella nazione venezuelana e respingiamo l’istigazione all'odio e all'intolleranza da parte di alcuni leader dell'opposizione.


Roma, 08 maggio 2017
 

giovedì 18 maggio 2017

La macchina sovversiva di Soros esposta al pubblico

Lo speculatore globale ha fatto il lavaggio del cervello a un'intera generazione. Legioni di giornalisti e movimenti comprati in una raffinata manipolazione di massa
10 maggio 2017

di Phil Butler.

Molti esperti politici sono consci della forte influenza esercitata dal miliardario George Soros. Ma ormai anche i cittadini comuni associano il suo nome al controllo e alle speculazioni di borsa. L'uomo dietro il caos anti-Trump, l'oligarca dei fondi speculativi, il bizzarro filantropo: Soros è l'equivalente del dottor Male nel mondo reale. Ma, fino ad ora, le sue macchinazioni sono state generalmente tollerate, e il mondo non è riuscito a vedere chiaramente quanto i miliardi di Soros abbiano portato miseria e sofferenza a un miliardo di persone.
Un mio collega, l'analista politico olandese Hoger Eekhof, recentemente mi ha telefonato in preda ad un forte stato di incredulità. Me lo ricordo esclamare al telefono, qualche tempo prima: "Phil, fughe di notizie dalle organizzazioni di Soros confermano la sua complicità nel controllo delle politiche europee!". Dopodiché, essendo lui stato sulle tracce di Soros per qualche anno, sono stato ansioso di sapere cosa aveva scoperto. Sorprendentemente, sembra che le prove schiaccianti su Soros e la sua Open Society Foundations si trovino alla luce del giorno, tra alcune recenti intercettazioni su DC Leaks delle ONG del miliardario. Di sicuro alcuni lettori saranno stupiti nel non trovare da nessuna parte queste intercettazioni [in inglese] nei media mainstream. Le rivelazioni che ne derivano sono talmente sconvolgenti che non so da dove cominciare a raccontare: forse è meglio iniziare con Soros che si compra i media europei!

mercoledì 17 maggio 2017

Venezuela, quei giovanissimi pagati per uccidere

La strategia del caos e della tensione, gli omicidi attribuiti al governo anche quando le prove sono opposte. Nella piazza di Caracas il solito copione.
 
11 maggio 2017
di Geraldina Colotti.

Cronaca di sangue, anche ieri, in Venezuela. Sangue e non solo, perché è in pieno svolgimento anche la campagna "puputov" (molotov di escrementi), lanciata dalle destre contro il governo, e ripresa con enfasi dalle agenzie internazionali. 
Per conoscerne i dettagli, digitare in google immagini "puputov Venezuela". 
Avvenenti vedette nazionali, spiegano come preparare la bomba di escrementi, raccolti nelle case e nelle scuole private, e come lanciarle sulla Guardia Nacional Bolivariana (Gnb), su chi non partecipa alle proteste e su quanti manifestano in sostegno al governo. 


Il momento è drammatico, ma la satira ci è andata a nozze: se la Dichiarazione di indipendenza degli Stati uniti mette al centro "la libertà e la ricerca della felicità", il Venezuela caraibico di Simon Bolivar persegue "il massimo di felicità possibile", e ai funerali piange ma balla e canta... "Se la fate così grossa, vuol dire che mangiate bene", ha sintetizzato un vignettista evidentemente convinto che i principali problemi del paese siano determinati dalla "guerra economica" dei poteri forti, dallo stratosferico aumento dei prezzi e dall'accaparramento dei prodotti basici sussidiati dal governo.

martedì 16 maggio 2017

Jacques Attali: Cosa credeva la plebaglia europea, che l’euro fosse stato costruito per la loro felicità?

Jacques Attali, fogna umana d’oltralpe, uomo dei Rothschild, framassone di primo livello e padrino del candidato alla presidenza francese Emmanuel Macron, grazie alla stupidità della bobocrazia francese che piuttosto votare per la protezione e il rilancio del proprio paese, ripiegherà sul capitalismo più estremo impersonato dallo psicopatico Macron.


18222242_707177259454139_2586013006320648413_n Preso da: https://disquisendo.wordpress.com/2017/05/03/jacques-attali-cosa-credeva-la-plebaglia-europea-che-leuro-fosse-stato-costruito-per-la-loro-felicita/